Home > politica, società > La corsa al profitto

La corsa al profitto


Banconote - Ricchezza e povertà i tempo di crisiAdesso abbiamo compreso il fondamento delle dichiarazioni ottimistiche del dittatorello sulla crisi economica degli ultimi tempi: lui nell’ultimo anno ha raddoppiato il proprio reddito. Altro che crisi, dunque!!! La crisi economica del capitalismo determina un effetto strano: chi è ricco si arricchisce ancor di più, chi non è ricco diventa povero. Insomma, la forbice sociale, che il capitalismo inevitabilmente allarga, raggiunge la massima divaricazione quando subentra la crisi del sistema. Sembra un paradosso, perché se il capitalismo implica benessere, la crisi dello stesso dovrebbe  causare una riduzione del profitto per chi con il capitalismo lo produce. Tutto questo ci mostra, se ancora ce ne fosse bisogno, qual è il vero male dell’età moderna: il profitto. La corsa sfrenata al profitto spinge al potere, allo scopo di acquisire una posizione sociale che rende profitto. La corsa al profitto conduce alle dittature, alla corruzione, alle guerre, alla delinquenza: avete mai visto un dittatore semplicemente benestante? Mai! Sempre possessori di tesori inestimabili, come dimostrano gli eventi degli ultimi mesi: Mubarak, Gheddafi e gli altri. Avete mai visto una guerra generata da scopi diversi che l’accaparramento di territori ricchi di materie prime che portano profitto? Mai! Basti considerare gli ultimi eventi: Iraq, Libia. Come mai l’Occidente che si autodefinisce “esportatore di democrazia” non interviene in Siria? Forse perché in Siria non c’é petrolio? Allora, il profitto è la fonte delle ingiustizie dei nostri tempi. Dietro un finto benessere collettivo, nasconde l’avidità dei pochi, il cui unico scopo nella vita è arricchirsi, perché il denaro è potere. Pertanto, il capitalismo non è affatto lo strumento di aumento del benessere della collettività, ma soltanto un modo per massimizzare l’individualismo a scapito degli ultimi. Gli ultimi, quindi, diventano meri numeri, o perché concorrono a realizzare il profitto consumando i prodotti, oppure perché esprimono il loro voto in cambio della promessa del posto di lavoro. Il profitto, in altre parole, sopprime l’umanità. Di recente, vedendo uno dei molteplici servizi sul terremoto in Giappone, a fronte dei 20000 tra morti e dispersi e del disastro nucleare, hanno intervistato un imprenditore giapponese che, quasi benedicendo l’evento, ha evidenziato come lo stesso possa costituire un’opportunità per l’economia, in quanto la ricostruzione porterà ricchezza alle imprese dell’edilizia. Cos’è questa? Realpolitik? No! E’ lo squallore di quei pochi che, come detto, vivono solo ed esclusivamente per il profitto. Se siamo nel 2011 e ancora si muore di malattie, la colpa è del profitto, perché se i soldi spesi per le armi e le guerre, oppure quelli persi per la corruzione venissero investiti nella ricerca, forse oggi l’uomo morirebbe di meno per i tumori. Ma in questo modo, le case farmaceutiche non potrebbero vendere i loro farmaci chemioterapici, riducendo conseguentemente i propri profitti. Si potrebbero elencare centinaia di vicende analoghe, le quali provano come il profitto sia alla base di ogni azione deliquenziale e liberticida: si pensi al caso Fiat per restare in Italia. La verità, dunque, è il che il profitto, che costituisce il fulcro del sistema capitalistico moderno, annulla l’essere umano, rendendolo schiavo di schemi e paradigmi di vita incompatibili con la natura del mondo in cui vive, distruggendolo e rendendolo sempre meno “umanitario”. In questo mondo, io sto con gli ultimi, perché, come dice Don Gallo, le ideologie possono essere sbagliate, stare con gli ultimi non è un’ideologia e quindi non è sbagliato. Ma prima o poi, gli ultimi saranno i primi e non in senso biblico, perché è su questa terra che il sogno di un cambiamento epocale deve realizzarsi.

Annunci
  1. 29 marzo 2011 alle 12:06

    Un cambiamento EPOCALE … ci stanno già provando … con la riforma della giustizia

  2. Rosario
    29 marzo 2011 alle 12:24

    Si, almeno formalizzeranno che anche la legge non è uguale per tutti!

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: