Home > società > L’archetipo dell’uomo medio moderno

L’archetipo dell’uomo medio moderno


L'uomo moderno

La società ideale ... per qualcuno

Una caratteristica della moderna società è senza dubbio l’adeguamento alla mediocrità dell’uomo benestante. Conformarsi è sempre più una necessità, perché essere “diverso” implica la ghettizzazione. La minoranza è una razza in via di estinzione, in ogni ambito. L’uomo medio è colui che ha come valore principale il denaro, che lo guida nelle sue azioni quotidiane, anche se illegali, perché sempre più attuale è il motto che “il fine giustifica i mezzi”. Fateci caso quando uscite di casa, sono tutti uguali: vestiti marcati, auto di potente cilindrata (possibilmente un SUV) e una smart o uno scooterone per girare in città, occhiali da sole, palestrato e abbronzato 365 giorni l’anno, telefonino ultima generazione. In genere vogliono anche apparire furbi, perché esserlo è “cool”, “figo”. Sono quelli che fanno i forti con i deboli, salvo poi piegarsi ed ubbidire a chi è sopra di loro. Votano per uno dei partiti maggiori, perché bisogna vincere le elezioni, a prescindere dalle idee, pur differenziandosi però per il colore politico: xenofobi i leghisti, machisti i berluscones e radical chic i democratici. Convivono perennemente con la competizione, perché, in un mondo di lupi, devono essere più bravi degli altri, per non rischiare di essere additati come “sfigati”. Leggono qualche libro, per sembrare anche colti, ma poi nel proprio piccolo vanno a caccia di gossip, esaltandosi alla vista di un v.i.p. L’appiattimento sul modello medio da parte delle ultime generazioni è davvero deprimente, perché l’unico in grado di cambiare il sistema è l’uomo stesso. Ma senza il recupero di alcuni valori fondamentali diventa davvero difficile. E’ il sistema che impone la massificazione, perché le persone diventano più facilmente controllabili. Imporre un modello lascivo, in cui gli unici valori sono rappresentati dall’apparenza e dai soldi facili, in cui i miti diventano i calciatori o le donne dello spettacolo, consente di governare senza timori di rivolte e con la giustificazione di ogni condotta stolta, perché tanto l’esempio non è l’uomo onesto e con sani principi, ma il furbetto arrampicatore. Una società priva di ideali, dunque, è la panacea di tutti i mali per il potere, perché autorizza il governante a compiere ogni azione, anche la più iniqua, che nessuno potrà criticare, salvo voler essere inserito in quella minoranza di “sfigati” ormai emarginata.

Annunci
  1. 19 aprile 2011 alle 18:37

    Ascolta la canzone di Caparezza “la marchetta di Popolino”, parla proprio di questo in maniera ovviamente caparezziana! XD

    • 20 aprile 2011 alle 10:34

      Canzoni, articoli di giornale, libri, tante voci lamentano la deriva “ovina” della nostra società! Ma non vendo cambiamenti di rotta …

      • Nes
        20 aprile 2011 alle 10:37

        Perchè ci siano cambiamenti di rotta è necessario formare movimenti dal basso! Ogni singolo può contribuire con gli altri a cambiare le cose. Lo dimostra proprio Vik

  2. 20 aprile 2011 alle 11:35

    Concordo con la necessità di partire dal basso ma, nella pratica ho l’impressione che tutti i movimenti nati dal basso siano rimasti in basso! Voglio dire, rimangono movimenti spesso separati, con poca visibilità e che producono una scarsa o nulla rappresentanza politica. C’è bisogno di coordinamento, di leadership, di organizzazione di unità di intenti e di pianificazione!

    • Nes
      20 aprile 2011 alle 11:37

      Perfetto!

  3. fishcanfly
    24 aprile 2011 alle 20:20

    Il conformismo è un fattore innato all’interno dell’uomo. Ci sono fior fior di studi di psicologia sociale che lo dimostrano. Siamo intrinsecamente portati al gruppo perchè non accettiamo la solitudine sociale. La minoranza anch’essa è un concetto che appare ambivalente: anche quando parliamo di maggioranza in realtà parliamo di un gruppo controllato da una minoranza.
    In ogni modo, possiamo poi analizzare la maggioranza nell’ottica squisitamente tocquevilliana: le maggioranze, se non controllate, determinano una dittatura.
    Chissà in Italia in che situazione siamo. Ho seri dubbi sulla salute del sistema e non sono un dottore!
    Alla prossima,
    http://www.vongolemerluzzi.wordpress.com

    • Nes
      27 aprile 2011 alle 08:50

      Infatti le grandi battaglie non si fanno in solitudine, ma cercando di smuovere le coscienze dei più!

    • 27 aprile 2011 alle 15:42

      Io non credo che si tratti di conformismo; non mi convince l’idea che sia un fenomeno da psicologia sociale in cui la coscienza di ognuno si dissolve e si annacqua in quella della moltitudine, anzi, c’è un isolamento degli individui che si rivolgono(votano) quello che percepiscono come “il più forte” a prescindere se sia buono o cattivo. E la dittatura che sta avanzando in modo evidente in Italia (ed in modo strisciante nelle democrazie occidentali) è permessa da una rinuncia al controllo dai parte dei cittadini che si sentono sempre più sudditi rassegnati e che hanno sostituito la fiducia verso chi li rappresenta con la fede cieca ed acritica.

  4. Roberto
    5 settembre 2011 alle 13:39

    la Tv la fa da padrona!il Sesso e il qualunquismo!Gay ovunque! ormai la normalità fa paura! ormail se sei normale sei Sfigato! devi eccedere in tutto e per tutto! viviamo in un mondo dove la fa da padrona la mediocrità!! ok abbast. vero .. ma non facciamo di tutta l’erba un fascio! io seguo l’andamento del mondo…. per quel che mi piace… e mi tengo distante da idee o mode innaturali o per me sbagliate!senza curarmi di chi mi da del grande o dello sfigato!..:) mi piace vestirmi alla moda e vivo per musica e sport, quindi sport, tanto e di tutti i generi.,. ma non per farmi vedere o fare il ‘tronista’ .. ma perchè sto bene con me stesso.. e dalla sponda opposta c’è chi si fascia a modello ‘anticonformista’, modello Ribelle..della società cattiva e ingiusta e poi non è null’altro che Fagnano incapace di imporsi in qlsvoglia argomento.. amore Lavoro Sport o politica.. sono coloro che vanno contro il potere a prescindere.. senza nemmeno capire di cosa si parla! quindi + che archetipo medio dell’uomo medio moderno…. cominciamo a ragionare e impegnarci per cose che davvero ci interessano che ci sembrano sensatee in cui crediamo!senza scendere sempre a compromessi o rinunciare per paura! che siano di Dx Sx, ma che siano almeno ai ns. occhi Giuste!

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: