Home > informazione, politica, società > 4 sì contro lobbies e regime

4 sì contro lobbies e regime


4 si contro le lobbies

4 si contro le lobbies

Le consultazioni referendarie del 12 e 13 giugno hanno un significato rilevante, perché danno la possibilità al cittadino di uscire dalla sudditanza e sferrare un duro colpo al regime e alle lobbies che lo sostengono. Per capire l’importanza di tale voto basti considerare l’ostracismo del potere avverso lo stesso:

1) mancato accorpamento dei referendum con il voto amministrativo (complici anche gli onorevoli (drang) deputati dell’opposizione colpevolmente assenti al momento del voto in Parlamento);

2) mancata informazione di RAI e mediaset, di proprietà legale o di fatto del dittatorello;

3) tentativo del governo di eliminare il quesito sul nucleare, quello trainante per il raggiungimento del quorum, mediante una balorda manovra di rinvio della costruzione delle centrali nucleari.

Il regime, dunque, le sta provando tutte pur di evitare il raggiungimento del quorum, il che dimostra che gli interessi forti che lo sostengono stanno spingendo per il fallimento dei referendum. Perché? Per  gli interessi economici che ci sono dietro! La costruzione di centrali nucleari significa innanzitutto appalti pubblici per i costruttori, ossia tangenti, favori agli amici degli amici etc.; la privatizzazione dell’acqua implica l’entrata in un business milionario, che specula sul bene primario della vita. E poi il solito, immancabile interesse personale del dittatorello, timoroso di perdere il privilegio sovrano del legittimo impedimento. Già soltanto per questi motivi vale la pena di andare a votare, anche da parte di coloro che, non ritenendo di essere rappresentati dai politicanti italiani, si astengono in occasione di politiche e amministrative. Anzi, proprio il popolo degli astensionisti ha in questa tornata elettorale la possibilità di dare una spallata al regime dal quale non si sentono rappresentati perché espressione unicamente dei poteri forti, le lobbies, anziché della comunità. E’ questo il momento giusto di ritrovare la scheda elettorale e farsi sentire, mandando a quel paese poteri forti e politicanti conniventi, che fondono la loro vita sul profitto ad ogni costo. Allora, mettiamola in culo all’informazione serva del potere e facciamo girare l’invito mediante la rete, sms e passaparola. Non diamogliela vinta: servi di nessuno, per cui MANDIAMOLI A CAGARE!!!

Annunci
  1. 8 giugno 2011 alle 01:04

    si,4 x 4 si vole a cagare si,senza carta igienica e un bel calcio nel fondo schiena ||||

    • 8 giugno 2011 alle 07:56

      In 2 righe un’analisi politica inequivocabile!

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: