Home > politica > Il miglior amico del Premier

Il miglior amico del Premier


Partito Democratico

Partito Democratico

Quando sei nel mezzo della bufera con il tuo natante a pezzi; quando hai preso tante di quelle batoste che ogni piccola spintarella potrebbe farti crollare; quando la tua maggioranza è un’armata Brancaleone in cui ognuno è intento a salvarsi la poltrona; quando i tuoi parlamentari superpagati sono troppo impegnati a fare altro per essere in Parlamento a votare; insomma QUANDO PROPRIO SEI SULL’ORLO DELL’ABISSO, uno solo può salvarti! IL PD!! Un partito accusato ripetutamente di non avere ne capo ne coda, di non avere un senso, di non avere idee proprie, riluce in tutto il suo splendore quando rivela la sua fondamentale funzione : AIUTARE BERLUSCONI! Sempre presente (o assente, dipende dai casi) quando serve! Sempre distratto quando deve! Sempre in ritardo! Sempre super-corretto con chi le regole le ha appese al posto  della carta igienica! Sempre pronto ad andare contro se stesso pur di non far cadere Berlusconi. Ieri è stato il turno delle province. Il PD proprio ieri che aveva la possibilità di mettere in seria difficoltà il governo, di influire anche dall’opposizione sulla politica nazionale, ebbene proprio ieri … aveva un progetto … aveva delle idee … idee così importanti da rinunciare alla possibilità di fare qualcosa che si avvicinava tantissimo al  suo programma. “Il PD si astiene sull’abolizione delle province che non prevedeva una soluzione a norma approvata.” (leggi sul sito del PD … e leggi pure i commenti entusiasti della base … poveri stupidi, continuano a non capire che non è il partito che deve sintetizzare e rappresentare le idee della base ma, semplicemente la base deve capire che è inutile sforzarsi ad avere idee). Cioè, fatemi capire : il PD, ché è un partito di opposizione (definizione istituzionale non di sostanza, naturalmente),  non ha votato una norma che permetteva di cogliere il 100% del significato e della sostanza di un SUO punto di programma, perché tale norma non era esattamente come quella che volevano loro e non prevedeva delle soluzioni che, guarda caso, se fosse passata, si sarebbero dovute trovare e forse il PD avrebbe potuto influire!! E non vogliamo neanche considerare l’eventualità che il passaggio di tale norma avrebbe scatenato un effetto a catena che, facendo cadere il governo avrebbe dato la possibilità di fare nuove elezioni, nuovo governo e quindi, nientepopodimenochè, una norma che sarebbe stata proprio quella voluta dal PD. E invece no! COERENTI SEMPRE : NON BISOGNA CONTARE UN CIUFOLO!! Allontanare il più possibile l’eventualità di dover governare! DIFENDERE BERLUSCONI FINO ALLA MORTE (sempre più vicina….).

Annunci
  1. Andrea
    6 luglio 2011 alle 11:57

    Governare oggi è la peggior mossa politica che un partito possa fare: crisi economica, rischio fallimento sempre più vicino, necessità di provvedimenti impopolari.

    • Nes
      6 luglio 2011 alle 14:41

      Lascia perdere, governare è sempre un buon viatico per tessere la ragnatela degli interessi! Anzi, più fai scelte impopoplari, più gli effetti non ricadono su di te che fai la scelta!

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: