Home > politica > «La crisi c’è»!!!

«La crisi c’è»!!!


Un nodo alla gola

Un nodo alla gola

Non c’è che dire, abbiamo un premier lungimirante e con il polso della situazione! Fino a pochi giorni fa ostentava più ottimismo di mario, discettando sulle origini “psicologiche” della crisi, portando l’esempio dei dipendenti pubblici che, pur non essendo «toccati direttamente» dal rallentamento economico, hanno modificato i propri comportamenti. Conseguentemente, il più importante statista che la nostra nazione abbia mai conosciuto, rimproverava un atteggiamento colpevole ai media (peraltro tutti suoi direttamente o indirettamente) rei di dipingere «la crisi come irreversibile e catastrofica», ritenendo, invece, «che il momento peggiore sia superato». Nel 2009, ripeteva: «La crisi? Non è così grave. Torneremo alla situazione di due anni fa, non mi sembra che si stesse poi tanto male». Son passati due anni e l’italia sta rischiando il fallimento!!! Colpa degli speculatori, si mormora. NO!!! L’italia sta fallendo per colpa di chi governa e di chi fa finta di stare all’opposizione, per colpa di una casta di delinquenti che anche in questi momenti di panico non ha il buon senso di fare un passo indietro tagliando i privilegi di cui gode e vuol continuare a godere: si sa, il pesce puzza dalla testa! Finalmente, anche il macho man di arcore si è accorto della crisi! Nel comunicato stampa di ieri ha detto: «La crisi di fiducia che si è abbattuta in questi giorni sui mercati finanziari colpisce anche l’Italia, ma la minaccia riguarda tutti, riguarda la moneta comune, il segno più concreto dell’unità dell’Europa (…) Per noi, per l’Italia è un momento certo non facile. La crisi ci coglie nel mezzo del forte processo di correzione dei conti pubblici che abbiamo da tempo intrapreso e rafforzato pochi giorni fa»!Era l’unico che ancora non se ne era accorto!!! E si sa, è l’unico che nell’anno trascorso ha raddoppiato il proprio reddito! Mi sa che ci voleva la sentenza della Corte di Appello di Milano per fargli avvertire la crisi, visto che, a quanto sembra, sarà costretto a vendete qualche casetta per ripagare il debito contratto. Ma tanto, niente preoccupazioni: come al solito, la crisi la pagherà chi nulla centra con la stessa. Questa classe politica, che peraltro è la stessa di 40 anni fa, salvo qualche defezione per chiamata dall’alto, mi fa sempre più ribrezzo!

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: