Home > politica, società > Lo squilibrio ingiustificato

Lo squilibrio ingiustificato


Soldi

Soldi!!!

I manager delle imprese pubbliche sono un’altra anomalia del sistema. Sono sempre espressione di qualche lobby politica che li inseriscono nei posti di comando delle partecipate ed hanno uno stipendio annuo di centinaia di migliaia di euro. Poi si legge che in un periodo di crisi come questo, si attribuiscono anche il premio produzione, che, da solo, è superiore allo stipendio del lavoratore dipendente. Così a Napoli, una delle città peggio messe in quanto a qualità del servizio di trasporto pubblico, succede che l’Anm taglia il personale di 300 unità, conseguentemente sopprimendo corse e offendo un servizio sempre più carente, ma i manager si assegnano, oltre agli stipendi lauti, anche «premi di produzione». Su otto dirigenti che guadagnano complessivamente un milione e 240mila euro, tre direttori da soli portano a casa 559mila e 453mila euro, ai quali vanno aggiunti, appunto, altri 92mila di premio produzione per arrivare in totale a 651mila 453 (http://www.ilmattino.it/articolo.php?id=171461&sez=NAPOLI). Se si vanno a guardare i numeri nello specifico, il top manager Renato Muratore, che ha uno stipendio di 220.740 euro all’anno, dovrebbe ricevere un premio di 36.147 euro; Fabrizio Cicala, direttore dell’area tecnica amministrativa, con stipendio annuale di 171.215 euro, dovrebbe ricevere un premio produzione di 25.066 euro, e Alfonso Trotta, direttore amministrativo personale, con stipendio annuo di 166.600 euro, meriterebbe un premio di 31.685 euro. Con i soli premi si potrebbe pagare lo stipendio annuale di almeno 7 dipendenti “normali”, evitando così di mettere 7 famiglie sul lastrico. Se poi gli stipendi annuali venissero ridotti a retribuzioni dignitose, ad esempio 50.000 euro all’anno, si potrebbero salvare anche le altre 300 famiglie che si rischia di mandare in mezzo ad una strada! Risultato? Maggiore occupazione e certezza che i posti di responsabilità verrebbero occupati non per mero profitto, ma con la volontà di servire la collettività! Ecco il vero problema dunque: lo squilibrio tra gli stipendi dei manager e quello dei dipendenti. Perché un autista di autobus, che svolge un lavoro usurante, deve guadagnare circa 16 o 18.000 euro all’anno ed un manager 220.000? Eppure l’autista di autobus è quello che fa funzionare il mezzo di trasporto e, in più, è costretto a sorbirsi gli improperi degli utenti per disservizi e carenze causate dai manager… Insomma, lo squilibrio degli stipendi è assolutamente ingiustificato! Si vuol superare la crisi? Bene, si cominci a metter mano a tale squilibrio, riducendolo drasticamente. Cosa giustifica questa sproporzione? Il titolo di studio? Certo che no, visto che non mancano netturbini laureati che non vengono pagati più degli altri soltanto perché laureati. La posizione di responsabilità? Certo che no, visto che se il servizio non funziona i manager non pagano di tasca propria. La verità obiettiva è che le imprese partecipate dal pubblico dovrebbero fornire un servizio alla collettività e chi viene chiamato a dirigere queste imprese dovrebbe essere gratificato dal servizio reso e non dallo stipendio, sicché una paga più che dignitosa potrebbe bastare! Senza voler poi rischiare di sfociare nella demagogia e nel populismo, è alquanto inutile ricordare che questi soggetti occupano posizioni di vertice solo grazie a manovre ed aderenze politiche. Si vuol risolvere la crisi? Allora non servono manovre lacrime e sangue, con nuove tasse, ma occorre seguire una logica nuova: EQUITA’ e SERVIZIO PUBBLICO!

Annunci
Categorie:politica, società Tag:, ,
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: