Home > politica, società > Il cancro della corruzione

Il cancro della corruzione


Guarguaglini - Grossi

I conuigi Marina Grossi e Pier Francesco Guarguaglini - la classe dirigente italiana!

Negli ultimi giorni sono scoppiati nuovi focolai di corruzione nel nostro paese, su tutti il noto caso Finmeccanica, caratterizzato da mazzette e assunzioni di figli e parenti di politici. Finmeccanica è lo specchio dell’Italia del dopoguerra: un paese corrotto, governato da persone di bassa cultura, che considerano la cosa pubblica come uno strumento di potere e di profitto, sprezzanti dell’interesse comune. La corruzione è alla base del degrado morale, civile ed economico del nostro paese; alimenta la criminalità organizzata; foraggia le diseguaglianze. E’ un cancro da estirpare, che tappa la crescita di un paese, facendo oltretutto passare un messaggio immorale ed odioso: la cosa pubblica è potere, da utilizzare per interessi personalistici, siano il profitto individuale o la “sistemazione della famiglia”. Ma allora perché in Italia non esiste una specifica legge anti-corruzione!  In attesa di un radicale cambiamento di mentalità, che porti a ritenere la posizione pubblica come rivolta a realizzare l’interesse della comunità, occorre intervenire con decisione, reprimendo gli abusi. Occorre finalmente interrompere il messaggio errato che la classe dirigente sta inviando! Occorre una legge speciale, che preveda la messa al bando di tutti coloro, politici e dipendenti pubblici o di società partecipate, che intaschino mazzette o comunque, per un qualsiasi motivo, facciano favori. Giustizialismo? Per nulla! E’ solo Giustizia e necessità di porre un freno immediato: a mali estremi, estremi rimedi. Occorre che chi venga colto con le mani nel sacco non possa più svolgere alcun ruolo nelle istituzioni o nelle imprese pubbliche, nazionali e locali. E se qualcuno dei suoi familiari è stato assunto a seguito di aderenze o favori, deve essere licenziato! E’ necessario finalmente introdurre il vero concetto di meritocrazia e di senso dello stato: la classe dirigente deve essere costituita dai più meritevoli e che vogliono davvero servire la comunità! Il tutto, ovviamente, accompagnato da processi veloci ed immediati! Non hanno ucciso alcun uomo, è vero, ma, facendo passare il messaggio che il potere è libertà di realizzare il profitto personale, ammazzano il senso civico di un intero popolo, calandolo nell’ignoranza di una sottocultura fatta di favori e scambi! Per cambiare la mentalità di un popolo serve una rivoluzione e la epurazione dei corrotti è il primo necessario passo!

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: