Home > politica > Eccone un’altra

Eccone un’altra


Giovanna Melandri - politico di professione

Giovanna Melandri - politico di professione

La melandri è l’esempio del professionismo della politica e, in poche parole, spiega che cosa è la politica per i nostri onorevoli rappresentanti: “E’ dal 1994 che siedo in Parlamento e non ho mai preso il doppio stipendio. Non ho fatto, come invece tanti miei colleghi, il deputato e al tempo stesso l’avvocato, il notaio, il commercialista… E quel che mi dispiace è che in futuro non ci potrà essere un’altra Giovanna Melandri, una ragazza come me che a 35 anni lascia un lavoro da economista in Montedison e decide di servire il suo Paese”. Bellissime parole, da applausi, se non fosse che sono state dette allo scopo di difendere l’odioso vitalizio dei parlamentari italiani. Si perché, la melandri lascia chiaramente intendere che per lei “servire il paese” significa innanzitutto essere pagata lautamente, mantenendo i privilegi che, in maniera autoreferenziale, i politici italiani si sono concessi dal dopoguerra ad oggi. Ma “Servire il Paese” dovrebbe significare anche fare sacrifici “personali” quando il paese è in difficoltà, e non solo chiederne alla popolazione. Perché la signora melandri non ha levato gli scudi quando il governo dei banchieri ha inciso sui diritti dei pensionati “normali”? Come mai non le dà tanto fastidio, lei che si ritiene una servitrice dello stato, che coloro che non riescono ad arrivare a fine mese possano essere “maltrattati”, nel bene del paese si intende, dalle manovre lacrime e sangue che lei vota in parlamento? No, la melandri alza la voce adesso che, arrivata a 50 anni, se fosse finalmente avviato il sistema contributivo anche per i parlamentari, rischierebbe di perdere il tanto sospirato vitalizio, che, dal suo discorso, è stato il vero obbiettivo che l’ha spinta a lasciare il proprio lavoro per “servire il paese”. Insomma, la vergogna non è dei parlamentari italiani, i quali hanno altre caratteristiche molto più materialistiche. Per tentare di “giustificare” il suo attaccamento al soldo pubblico, la melandri dapprima richiama il nome di Berlinguer ( senza essersi  sciacquata accuratamente la bocca) e poi la butta sulla necessità di una nuova classe dirigente fatta di giovani (“Mettere insieme una rappresentatività dí giovani sarà sempre più difficile. In futuro potrà candidarsi solo chi ha un notabilato sociale alle spalle, oppure ha un altro mestiere e continuerà a esercitarlo durante il mandato di deputato o senatore”). Ma la signora melandri dovrebbe entrare nell’ordine di idee che non è l’aspettativa del vitalizio e lo stipendio da 12.000 euro al mese a consentire la formazione di una nuova classe dirigente di giovani, ma soltanto una diversa cultura, nella quale la parola politica significhi “Servire il Paese”, anche prendendo uno stipendio di 2 o 3.000 euro al mese e accontentandosi di una pensione, contributiva, analoga a quella che percepisce la maggiornanza della popolazione. E poi, immancabile, tira in ballo lo spettro dell’anti-politica (“Non ho da recriminare nulla, ma ho paura di quello che resterà sotto le macerie del populismo”), senza ammettere, nemmeno lei, che l’unica causa dell’anti-politica nel nostro paese sono proprio loro, i rappresentanti della politica. Insomma, tutto il mondo è paese si direbbe, e qui da noi, destra, sinistra o centro quando si tratta di tutelare i propri privilegi tutti uguali sono! La melandri prenderà la pensione tra 10 anni? Chi se ne frega! L’operaio che lavora sulla catena di montaggio già deve arrivare a 67 anni con la speranza di percepirla!!!

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: