Home > società > A predicar bene…

A predicar bene…


Emma Marcegaglia

Emma Marcegaglia

La presidente di confindustria ha invitato i sindacati a “non proteggere ladri e fannulloni”, perché, nella sua visione, l’art. 18 dello Statuto dei Lavoratori sarebbe stato introdotto per tutelare gli assenteisti e coloro che, in genere, non avrebbero voglia di lavorare. A parte che i sindacati italiani ormai non tutelano più nessuno se non se stessi, perché sono un potere forte al pari delle altre caste, la marcegaglia dovrebbe avere il buon senso di star zitta anche se siamo in democrazia. Il problema maggiore del nostro paese, forse, è proprio la possibilità di parlare offerta a chi dovrebbe avere la compiacenza di mettere la testa sotto la sabbia. Come può la marcegaglia dare dei ladri e fannulloni ai lavoratori, quando i suoi uomini sono stati condannati per lesioni colpose causate proprio ai lavoratori delle sue imprese? Qualche tempo fa, esattamente nel 2009, infatti, il signor Antonio Zagaglia, direttore dello stabilimento marcegaglia di Ravenna, è stato condannato in via definitiva dalla Corte di Cassazione per lesioni personali colpose gravissime ai danni di un giovane operaio, Catiello Esposito, che era rimasto vittima di un terribile incidente che gli costò l’amputazione del piede destro e quindi della gamba fino al terzo medio per il sopraggiungere di necrosi cutanea, nonché una ferita da scoppio alla mano sinistra. Era stato accertato dai giudici che il lavoratore, da poco assunto con contratto di formazione, era stato addetto al controllo di una “macchina cesoia” che srotola la lamiera, ne taglia i bordi e poi la riavvolge senza aver ricevuto istruzioni o formazione sull’utilizzo del macchinario da parte del responsabile. Insomma, una violazione evidente della legge 626/1994 sulla sicurezza sul lavoro. Nel 2008 la impresa di famiglia, marcegaglia spa, ha patteggiato una sanzione di 500.000 euro, più 250.000 euro di confisca, per una tangente di 1 milione 158.000 euro pagata nel 2003 a Lorenzo Marzocchi di Enipower (http://archiviostorico.corriere.it/2008/marzo/29/Antonio_Marcegaglia_patteggia_per_una_co_9_080329142.shtml). Insomma, dare dei ladri ai lavoratori non è proprio la frase più opportuna che può profferire emma marcegaglia, la quale, viste anche le condizioni in cui lavorano i suoi operai, sembra mirare ad ottenere un viatico per rendere legale il ricatto al quale costantemente li sottopone. Non è un caso che proprio di recente il 65% dei lavoratori di quasi tutte le fabbriche italiane appartenenti al gruppo marcegaglia ha incrociato le braccia per due ore, come segno di protesta contro il mancato rinnovo dei contratti di lavoro interinali e a termine. Contratti che riguardano direttamente qualche decina di giovani operai inseriti da più di un anno nelle sedi di Mantova, Forlì e Boltiere, che rischiano di essere lasciati a casa a causa del mancato raggiungimento di un accordo sulla questione del “salario d’ingresso”. Un sistema voluto dall’azienda per dare respiro a bilanci sempre più preoccupanti, riducendo sistematicamente gli stipendi dei nuovi assunti, tanto che per raggiungere il salario guadagnato dai colleghi già stabilizzati dovrebbero maturare sei anni di esperienza nel Gruppo. In altri termini, la marcegaglia utilizza l’arma legislativa per riportare lo schiavismo nelle sue aziende. Così ha fatto sfruttando la contrattazione a termine e interinale, così spera di fare per il futuro cancellando l’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori. Il tutto nell’obbiettivo di massimizzare il proprio profitto.

Annunci
  1. 8 settembre 2014 alle 00:52

    Heya this is kinda of off topic but I was wondering if blogs use WYSIWYG editors or if you have
    to manually code with HTML. I’m starting a blog soon but have no coding skills so I wanted
    to get guidance from someone with experience. Any help would be
    greatly appreciated!

  2. 14 ottobre 2014 alle 09:17

    In fact when someone doesn’t be aware of then its
    up to other viewers that they will assist, so here it occurs.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: