Archivio

Posts Tagged ‘maroni’

Che pena che fanno!


Maroni con scopa padana

Maroni con scopa padana

Maroni, al raduno di bergamo dell’orgoglio leghista, impugnando una mazza da scopa sentenzia: “Dobbiamo fare pulizia perché è intollerabile che vengano meno i nostri ideali”. Quali sarebbero questi ideali? La divisione dell’italia sedendo nelle poltrone di parlamentari e ministri, pagati lautamente da roma ladrona? O l’ideale della legalità che proprio la lega ha sfatato sin dai tempi di manipulite? Era il 5 gennaio 1994 allorquando al processo Enimont celoduro bossi riconobbe la colpevolezza dell’amministratore del movimento alessandro patelli relativamente ad un finaziamento illecito ricevuto dallo stesso da parte di Carlo Sama della Montedison. Celoduro bossi fu condannato con sentenza definitiva a 8 mesi di reclusione per violazione della legge sul finanziamento pubblico ai partiti. Insomma, un vizietto proprio dei tesorieri della lega quello di maneggiare denaro, non diverso da quanto fatto da tanti altri. E l’ex ministro degli interni, a sua volta condannato in via definitiva a 4 mesi per resistenza a pubblico ufficiale, chiede pulizia! Ma dov’è stato finora? Dove ha vissuto? Come mai non ripulisce il partito da quel davide boni, suo uomo, indagato per tangenti dalla Procura di Milano? In cosa sarebbe diverso rispetto al “nulla” rutelli che dice di non sapere nulla delle malversazioni di lusi? La verità è che sono tutti uguali i partiti, senza controlli, senza trasparenza, un pozzo di soldi pubblici gestiti per affari privatistici da politicanti senza scrupoli che hanno fatto della militanza una professione redditizia. Quand’è che maroni procederà davvero alle pulizie di primavera? Magari dicendo che celoduro bossi è un delinquente, avendo utilizzato soldi pubblici per la propria famiglia, o che davide boni è un politicante che ha preso mazzette. In realtà, la vera pulizia non la dovrebbe fare uno di quelli che da anni siede sulle poltrone comode di roma ladrona, ma coloro, i cittadini, ai quali si chiedono continui sacrifici per far fronte ad una crisi non prodotta da loro, ma che continuano ad essere presi per il culo da questi pagliacci.

Annunci

L’ex compagno ce l’ha duro … il manganello

6 settembre 2010 Lascia un commento

Min. Maroni

Roberto Maroni - Ministro dell'Interno

Il ministro Maroni, che ha iniziato (strano ma vero!) la propria vita politica aderendo ad un gruppo marxista-leninista di Varese e successivamente al movimento d’estrema sinistra Democrazia Proletaria, si sta ergendo a “spazzino” della legalità, ripulendo la penisola da delinquenti e facinorosi ed emanando provvedimenti per tutelare i gendarmi dipendenti del suo ministero. In realtà è l’emblema della contraddizione e dell’incoerenza, strumento nelle mani di un regime che, attraverso le sue circolari, impone il silenzio ricorrendo anche alla rappresaglia. Il Ministro dell’Interno impone, senza alcuna legge, la famigerata Tessera del Tifoso, allo scopo di liberare gli stadi dai vituperati ultras e restituirli finalmente alle famiglie. Il risultato? Stadi ancora più vuoti per la felicità delle pay-tv (non a caso di proprietà anche del suo capo): ieri, nello stadio della Triestina i tifosi reali sono stati tristemente sostituiti da spettatori virtuali, ovverosia gigantografie raffiguranti i tifosi di casa, immortalati in occasione di situazioni di massimo afflusso all’interno della struttura. Ma soprattutto aumento delle probabilità di tafferugli: ieri, ad esempio, ci sono stati scontri a Brindisi tra locali e avellinesi, i quali, non disponendo della tessera, sono stati fatti accomodare gomito a gomito con i tifosi locali. Non contento del grande risultato ottenuto, ha poi rimosso coattivamente un sindaco di un paesino del casertano che aveva raggiunto il 70% di differenziata, reo di essersi opposto alla privatizzazione dello smaltimento dei rifiuti mediante passaggio del servizio ad una società interprovinciale dalla sicura redditività (notizia riportata soltanto, ahimè, dall’odierno Fatto Quotidiano). Del resto, se al Sud c’è anche soltanto un piccolo comune che funziona meglio epurarne velocemente il governante, altrimenti cosa raccontano i leghisti al loro elettorato? Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: